Il secondo giorno è sempre il più difficile nella carriera di un #mobileworker

26.7.15

Tappa 2: Pavia – Santa Cristina e Bissone =  29 km

Sveglia alle 5.30 ante meridiem.

Ci laviamo la faccia con il caffé, beviamo una tazzina di sapone e in un attimo siamo per strada. Il cielo di Pavia è strano, è buio. Pensiamo che sia perché deve ancora nascere il sole ma neanche il tempo di pensarlo e una saetta ha già squarciato il cielo. Uno, due, tre, quattro e finalmente il tuono arriva. Beh, è distante ci diciamo. Uno, due, tre e quattro e arriva anche la pioggia aka Circe.

Ci copriamo, neanche a farlo apposta, sotto il Ponte Coperto.

CKsHSYHUEAETpoe

(foto del giorno prima)

Ormai è inevitabile. Dobbiamo sfoggiare le nostre meravigliose mantelle anti-pioggia.

IMG_1682

La temutissima tempesta che doveva portare via l’estate in realtà si rivela essere la più innocua delle pioggerelle estive che dopo neanche un’ora finisce, lasciando sul nostro percorso una piacevole umidità che nell’arco di poche decine di minuti diventa una foschia nebulosa in stile hammam. Confortati da questa piacevole condizione climatica, lasciamo la contea di Pavia.

IMG_4177

Da questo momento in poi il paesaggio sarà dominato dal PANTONE RASHID 361c: ettari ed ettari di risaie, a perdita d’occhio.

IMG_4178

pantone-361-c

Nel frattempo è arrivato un brief su un film 10″ da presentare entro lunedì. Nessun problema, i mobile worker accettano la sfida: tempo per parlarne e discuterne ce ne sarà in abbondanza. Iniziano i brainstorming  e gli approcci strategici: sia su come affrontare il brief, sia su come non farsi venire le ciocche ai piedi.

Proseguendo arriviamo nella ridente cittadina di Torre De’ Negri, comune di 346 abitanti di cui uno particolarmente sobrio e di buon gusto architettonico.

IMG_4179

La temperatura si alza e il sole incomincia a essere perpendicolare sui nostri coppini, ormai completamente viola.

A questo punto facciamo amicizia con un nuovo local, il quale ci offre un drink di acqua del suo pozzo e ci regala una massima che diventa subito l’insight della nostra campagna (pavese) .

Da questo momento in poi i ricordi diventano annebbiati dall’accecante luce del sole.

Passiamo sul fiume Olona che sembra essere anche lui esausto dal lungo viaggio attraverso la Lombardia, attraversiamo tratti desertici ed infine troviamo una pratica soluzione all’annoso problema del coppinus violeceum.
IMG_4189IMG_4187

Alle 14.00, dopo 29 km (27 per la questura), arriviamo a Santa Cristina e Bissone dove il parroco del paese ci accoglie nel suo oratorio dove ci raggiunge in auto l’artiglieria pesante: arriva Sandro e lì dove solitamente viene insegnata la catechesi, noi facciamo la nostra prima interna creativa.


Finito il dovere,  possiamo finalmente dedicarci con relax alle nostre passioni preferite: il copywriting e l’art direction.

IMG_1693IMG_1694

Tracciato Runkeeper: http://rnkpr.com/aa94wpo

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...